Modifiche alla nuova manovra finanziaria 2011

di F.D. 1

Periodo di vacanze estive anomale per la classe politica italiana, attiva come non mai dopo il nuovo decreto presentato dal..

Periodo di vacanze estive anomale per la classe politica italiana, attiva come non mai dopo il nuovo decreto presentato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Giulio Tremonti: le polemiche seguite alla nuova manovra finanziaria – che trova il disaccordo non solo di Pd e sindacati ma anche di alcuni esponenti del PdL – hanno indotto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a cercare di chiedere degli aggiustamenti soprattutto nel capitolo che riguarda i contributi di solidarietà per coloro che dichiarano un reddito annuo superiore ai 90mila euro (argomento verso il quale si concentrano le maggiori proteste).


Ma come alleggerire l’impatto di questa manovra? Ancora Silvio Berlusconi non lo ha chiaro, ma il tempo stringe e l’Ue chiede di fare presto. Il PdL si riunirà a metà della settimana per cercare soluzioni alternative che possano dunque in qualche modo depotenziare il contributo di solidarietà.

Come? Rendendolo valido, per esempio, per coloro che dichiarano dai 150mila euro annuali in su; oppure – alternativa questa appoggiata dall’Udc – modulando la tassa sulla base del quoziente familiare; oppure ancora intervenendo a modificare la regolamentazione sulle pensioni.

Si tratterà, comunque, solo di piccole variazioni perché il testo del decreto non verrà stravolto. Dal 22 agosto comincerà a discuterne il Senato, quindi dal 5 settembre il testo del decreto già sarà in aula.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>