Moody’s taglia l’Europa

di Vito Verna Commenta

L'agenzia di rating Moody's avrebbe declassato il debito di ben 6 nazioni europee.

La giornata di oggi, per lo meno considerando le premesse della vigilia, sarebbe dovuta essere, dal punto di vista economico-finanziario, una delle migliori degli ultimi mesi se non degli ultimi anni.

FUNZIONAMENTO DELLE AGENZIE DI RATING

I mercati finanziari di tutto Europa e di mezzo mondo, infatti, avrebbe dovuto festeggiare l’approvazione, da parte del Parlamento greco, del pacchetto di austerity, elaborato dal triumvirato composto dalla Banca Centrale Europea, dall’Unione Europea e dal Fondo Monetario Internazionale, necessario allo sblocco dei circa 130 miliardi di euro messi a disposizione dalla comunità internazionale per il pagamento dei debiti della nazione ellenica.

CREDIT WATCH NEGATIVO PER L’UNIONE EUROPEA

Eppure, per motivi che rimangono ancora ignoti anche ai più rinomati e famosi esperti mondiali di finanza, mercati, rating, economia e quant’altro, l’agenzia di rating Moody’s, una delle più importanti a livello internazionale, avrebbe deciso di seguire le orme delle proprie consorelle, ovverosia Standard&Poor’s e Fitch Ratings, declassando il debito di ben 7 Paesi europei.

A finir nel mirino dell’agenzia newyorchese, almeno in quest’occasione, sarebbero state Italia (da A2 ad A3), Spagna ( da A1 ad A3), Portogallo (da Ba2 a Ba3), Slovacchia (da A1 ad A2), Slovenia (da A1 ad A2) e Malta (da A2 ad A3).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>