Luciano Moggi si candida nella lista di Stefania Craxi “Riformisti italiani” per il centrodestra

di G.V. Commenta

Nuovo candidato nelle liste del centro-destra, un candidato forte che sicuro farà discutere. Luciano Moggi scende in campo per la lista di Stefania Craxi: riformisti italiani

Un’altra candidatura a sorpresa arriva tra le fila del centro-destra, Luciano Moggi svela la sua velleità politica candidandosi alla Camera dei Deputati nella lista dei Riformisti italiani creata dalla figlia di Bettino Craxi, Stefania Craxi. L’ex direttore generale della Juventus, l’uomo simbolo di Calciopoli scende in campo e viene candidato come capolista nel Piemonte, e il suo schieramento farà parte della coalizione del centro-destra PDL – Lega.

Moggi ha ancora aperti molti contenziosi con la giustizia italiana. Il processo penale, in corso a Napoli, è giunto alla sentenza di primo grado che l’8 novembre 2011 lo condannò a 5 anni e 4 mesi di reclusione più il Daspo, il divieto di accesso a luoghi dove avvengono manifestazioni sportive. Ma i suoi guai giudiziari non finiscono qui, l’ex dirigente Juve ha a carico un altro processo penale, quello sul caso Gea, dove si è giunti in appello con la condanna a un anno di reclusione per violenza privata e l’assoluzione per quanto riguarda l’accusa di associazione a delinquere.

Infine nell’ambito sportivo , dopo aver scontato cinque anni di inibizione, è stato condannato alla esclusione da qualsiasi rango e categoria della Federcalcio. Diciamo che non è proprio un cadidato che va incontro ai criteri di trasparenza e onestà che si cerca di infondere nella nuova politica di questo Paese. Saranno gli elettori piemontesi a decidere le sorti di Luciano Moggi nella sua nuova veste di candidato alla Camera. Per ora non ha rilasciato nessuna dichiarazione a riguardo e ci aspettiamo che lo faccia al più presto, per capire le motivazioni che lo hanno spinto a questa scelta politica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>