Nasce il partito islamico a Milano

di Stefania Russo Commenta

Milano Nuova è il nome del nuovo partito che concorrerà alle prossime elezioni amministrative del capoluogo lombardo e che è già..

Milano Nuova è il nome del nuovo partito che concorrerà alle prossime elezioni amministrative del capoluogo lombardo e che è già stato ribattezzato “partito islamico” per via del fatto che il suo promotore, Abdel Hamid Shaari, è anche al capo del centro culturale islamico.

Shaari, tuttavia, ha tenuto a precisare che la religione non c’entra assolutamente nulla, anzi, ha sottolineato che Milano Nuova un partito laico aperto anche agli italiani.


Nonostante le precisazioni del leader sono in molti a non credere alle sue parole, certi che invece il centro culturale islamico c’entri eccome in questo nuovo progetto, mostrandosi seriamente preoccupati in merito a questa faccenda soprattutto in virtù dei numerosi problemi creati nell’ultimo periodo dal centro di viale Jenner, tra cui le prediche estremiste e poi le preghiere del venerdì sui marciapiedi.

Lo scetticismo è ravvisabile in maniera più o meno marcata in tutti gli schieramenti politici, l’unico che si è mostrato favorevole all’iniziativa è Giuliano Pisapia, candidato sindaco per il centrosinistra, secondo cui il nuovo partito è utile al fine di costruire “una Milano più accogliente e più democratica, sicuramente meno discriminatoria“. Di tutt’altro parere, invece, Roberto Caputo del Pd, convinto che una lista con connotazioni religiose non serve all’integrazione, anzi, produce l’effetto contrario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>