Tangenti Trenitalia in cambio di appalti

di Alessandro Bombardieri Commenta

L'illecito degli appalti riguardava la manutenzione di carrozze e locomotori.

trenitalia342_1

E’ stata scoperta un’organizzazione finalizzata a pilotare in modo sistematico e seriale gli appalti riguardanti Trenitalia in cambio di tangenti.

La Procura di Napoli ha accusato cinque persone, tra cui anche due ex dirigenti della società, licenziati di recente, e tre imprenditori.

La Guardia di Finanza ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei cinque imputati.

A disporre i provvedimenti è stato il gip di Napoli Luigi Giordano, su richiesta dei pm Henry John Woodcock e Francesco Curcio.

L’illecito degli appalti riguardava la manutenzione di carrozze e locomotori, con un valore complessivo di 10 milioni di euro.

Inoltre è emerso che in alcuni casi erano stati affidati con trattative private dirette e singole, dunque chiaramente in modo irregolare, a imprese riconducibili a parenti di uno dei dirigenti della società pubblica.

I reati ipotizzati sono l’associazione per delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti, corruzione, riciclaggio e reimpiego dei proventi illeciti in attività economiche. Il valore delle aziende ammonta a circa sei milioni di euro.

A dare una grande mano alle indagini è stata Trenitalia stessa, che tramite una propria indagine interna ha ricostruito gli illeciti nella vicenda di appalti e tangenti scoperta dalla Procura di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>