Agevolazioni fiscali e bonus-bebè

di Giuseppe Aymerich Commenta

Si trattava di una delle misure più apprezzate trasversalmente dai cittadini fra tutte quelle adottate in cinque anni..

un incentivo per le neofamiglie

In principio era il bonus-bebè: il regalo di 1.000 euro che fu erogato alle famiglie italiane nel 2005 per ogni nuovo nato.

Si trattava di una delle misure più apprezzate trasversalmente dai cittadini fra tutte quelle adottate in cinque anni di governo del centrodestra, giacché costituiva un aiuto rilevante alle famiglie che si trovavano a dover sostenere le spese per il nuovo arrivato.


A favorire la popolarità della misura contribuì certamente la sua assoluta semplicità e intuitività: chiunque si trovasse nella condizione di dover allargare la sua famiglia nell’anno solare 2005 con un nuovo nato poteva godere dell’erogazione di tale somma, purché il reddito complessivo del nucleo familiare non superasse i 50.000 euro.

La misura fu riproposta anche per l’anno successivo con una variante: nel 2006 fu erogato a favore delle famiglie che nel corso dell’anno si fossero ingrandite con la nascita di un secondo figlio.
In entrambi i casi, del tutto parificata alla nascita era poi l’ipotesi dell’adozione.


Il governo Prodi preferì non rinnovare quest’agevolazione, puntando invece le misure a sostegno della famiglia in un complesso sistema di detrazioni da far valere in sede di dichiarazione dei redditi. Fu quindi completamente rivista la normativa sulle detrazioni per i familiari a carico e fu introdotta una seconda detrazione per le famiglie con almeno quattro figli. Non un bonus, dunque, ma una riduzione delle imposte, tuttora vigente.

Nell’ultima campagna elettorale, invece, Silvio Berlusconi è tornato più volte ad annunciare il ritorno della misura a lui cara del bonus-bebè. E tuttavia, il decreto anti-crisi varato lo scorso 28 novembre ha gelato le attese di molte famiglie; purtroppo non ci sono risorse per finanziare tale misura, e si è scelto di procedere in tutt’altra direzione: l’erogazione di crediti agevolati a favore delle famiglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>