Legge salva-famiglie Governo Monti

di Vito Verna Commenta

Vogliamo oggi parlare di un argomento che sarebbe purtroppo passato in secondo piano non raccogliendo tutti i possibili onori della cronaca.

Legge salva-famiglie Governo Monti

Vogliamo oggi parlare di un argomento che, a causa della decisiva importanza di ben più interessanti argomenti, di carattere nazionale, quali la riforma del mercato del lavoro, la riforma delle pensioni, il decreto Sviluppo ed il salvataggio dell’euro, sarebbe purtroppo passato in secondo piano non raccogliendo tutti i possibili onori della cronaca.

LEGGE DI STABILITÀ FINANZIARIA 2012

Ci stiamo riferendo, naturalmente, al cosiddetto piano salva-famiglie approntato dal Governo Monti che, qualora dovesse trasformarsi in una vera e propria legge dell’ordinamento dello Stato italiano, introdurrebbe il concetto di bancarotta individuale consentendo a chiunque, ed in particolar modo alle famiglie italiane, di elaborare adeguati piani di rientro e ristrutturazione dei proprio debiti che, ovviamente, verranno concordati con il giudice in base alle proprie esigenze.

RIFORMA DEL SISTEMA PREVIDENZIALE DEL GOVERNO MONTI

Chiunque, dunque, per un qualsiasi motivo dovesse ritrovarsi nella spiacevole condizione di non riuscire più a saldare i propri debiti con il proprio istituto di credito, siano questi debiti indifferentemente derivanti da un mutuo per la ristrutturazione o l’acquisto della prima casa piuttosto che da un prestito personale per l’acquisto dell’autovettura di famiglia, non dovrà più temere di restare pignorato, forse per sempre, ma potrà sperare, per lo meno sul lungo periodo, di tornare ad una situazione di perfetta normalità grazie alla quale avere ancora una volta accesso al credito concesso dalle banche.

IL GOVERNO MONTI STA LAVORANDO ALLA NUOVA MANOVRA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>