Il governo Letta al completo

di Ranieri Commenta

167892186

Il governo Letta è fatto in ogni sua parte. Tutto è cominciato una settimana fa, cominciato per modo dire dato che è sempre bene ribadire che si è trattato del governo dalla gestazione più lunga e complessa della storia repubblicana del nostro Paese. A partire da sabato scorso, dunque, prima lo scioglimento della riserva, poi la lista dei ministri e il giuramento di Enrico Letta e della sua squadra di ministri. Nei primi giorni della settimana il nuovo presidente del Consiglio ha incontrato Merkel, Hollande (leggi: Il vertice Letta – Hollande) e Barroso (leggi: Il vertice Letta – Barroso) e nella giornata di ieri ha completato la squadra di viceministri, sottosegretari e presidenti di commissione.

Sottosegretari, viceministri e presidenti di commissione

Iniziamo dai dati di fatto, vale a dire, nella fattispecie, dai numeri: ci sono addirittura 68 poltrone in ballo così ripartite tra le tre differenti tipologie di cariche a disposizione: 30 sottosegretari, 28 presidenti di commissione e 10 viceministri. Ovviamente, in maniera intuibile, la già di per sé complessa logica di spartizione delle poltrone tra i differenti partiti rappresentati in un governo, come dire, normale è molto aspra. Ma, in occasione di un governo di coalizione, di ampio sostegno o di unità nazionale che dir si voglia, le consuete logiche di attribuzione delle poltrone sono state addirittura maggiori proprio perché ci sono più interessi e partiti da rappresentare.

La spartizione delle poltrone

Il primo problema in merito alla squadra completa del nuovo presidente del Consiglio Enrico Letta è stato proprio il numero estremamente elevato: se già il governo tecnico dell’ex premier dimissionario Mario Monti aveva a suo tempo scatenato le polemiche proprio per un numero di poltrone ausiliarie estremamente elevato, e si trattava di 26 viceministri, è chiaro che il polverone che si alzerà su una formazione così numerosa come quella di Letta non è che all’inizio. Anche se, a ben guardare, la possibilità di rappresentanza offerta a tutte le forze o quasi toglierà humus alla protesta che, di solito, parte proprio dalle fazioni non rappresentate. A smorzare le polemiche sul nascere, poi, ci ha pensato lo stesso Letta che ha fatto sapere che ai sottosegretari non verrà corrisposto nessun tipo di stipendio aggiuntivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>