Influenza suini: in Italia nessun pericolo

di F.D. Commenta

Gli undici casi sospetti italiani erano persone appena tornate dal Messico che però non hanno fortunatamente contratto il virus..

ministro sacconi

A rassicurare i cittadini arrivano le parole del Ministro Sacconi e del presidente del consiglio Berlusconi affermando che l’Italia è pronta a superare bene l’emengenza. Dopo l’influenza aviaria l’Italia ha avuto modo di prepararsi con una serie di antivirali necessari a contrastare il virus dei suini.

I sintomi dell’influenza suina sono i classici di una influenza, ma le complicazioni possono essere maggiori. Il Ministro Sacconi ha affermato che non è ancora pronto un antidoto vero e proprio, ma sono disponibili 4 milioni di dosi di antivirale utili a contrastare il virus.


Attraverso delle simulazioni matematiche è stato possibile, afferma il ministro, capire in quanto tempo, anche se dovesse verificarsi una pandemia, si contagerebbero 4 milioni di persone ed i risultati si possono definire confortanti.


Silvio Berlusconi ha affermato che è sconsigliabile in questo momento partire verso il Messico e che gli undici casi sospetti hanno tutti dato esito negativo. Gli undici casi sospetti italiani erano persone appena tornate dal Messico che però non hanno fortunatamente contratto il virus.

Del ceppo virale si conosce tutto, ma ancora non è pronto un vero e proprio vaccino anche se sono al lavoro diversi ricercatori che potrebbero trovare la soluzione a breve. Quindi nessun allarmismo per il momento in Italia riguardo al virus influenzale dei suini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>