Summit tra Berlusconi, Tremonti e Bossi nella notte

di Elena Botta Commenta

Ormai la Destra non sa più che cosa fare per risollevarsi dalla cocente sconfitta delle recenti elezioni amministrative e così i vertici tra i vari partiti che la compongono sono all’ordine del giorno.
E così dopo il vertice che si è tenuto lunedì scorso ad Arcore, Tremonti, Berlusconi e Bossi si sono incontrati una seconda volta nella notte di ieri per un summit a sorpresa che è durato tre ore circa.
In queste tre ore si è parlato di un possibile taglio delle tasse, o meglio, un modo per dare un nuovo impulso all’economia che è ancora in crisi, soprattutto dopo che la Commissione Europea martedì ha espresso delle accorate raccomandazioni affinchè l’Italia, in vista della legge finanziaria del 2012, vari nuovi interventi strutturali per poter entrare nei margini stabiliti entro ottobre.



In più la Commissione Europea ha fatto presente all’Italia di utilizzare i fondi stanziati dall’Unione Europea in modo corretto per ridurre il debito pubblico.
Dopo il vertice ristretto della notte, dove gli interlocutori hanno parlato senza mezzi termini e a carte scoperte, oggi a palazzo Grazioli Silvio Berlusconi ha riunito i vertici del Pdl e dove ha anche avuto incontri con il legale Niccolò Ghedini, con l’ex ministro Antonio Martino e con il segretario del partito Angelino Alfano.
Successivamente, poco dopo l’ora di pranzo, il presidente del Consiglio ha ricevuto anche l’amico e collaboratore Fedele Confalonieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>