Petrolio iracheno alle compagnie straniere

di F.D. Commenta

Il 29 e 30 Giugno infatti il governo iracheno concederà le licenze alle compagnie petrolifere estere..

petrolio-iracheno

E’ di oggi la notizia che conferma alcune suppozioni insorte da molti sulla motivazione che ha portato gli Stati Uniti e gli stati alleati ad invadere l’Iraq e far cadere la dittatura del sunnita Saddam Hussein.

Il 29 e 30 Giugno infatti il governo iracheno concederà le licenze alle compagnie petrolifere estere per lo sfruttamento dei giacimenti per i prossimi 20 anni.


Il governo Bush che ha trascinato l’America in una guerra sanguinaria sarà felice della notizia e siamo convinti che anche l’amministrazione Obama non potrà che beneficiare del progetto di liberalizzazione dei giacimenti anche se Barack Obama ha più volte ribadito che col tempo l’America abbandonerà la dipendenza dal petrolio per aumentare fonti di energia alternative e più ecologiche.


L’Iraq è tutt’ora il terzo produttore mondiale di petrolio e nel sottosuolo sono presenti ancora quantità esagerate di risorse ancora inesplorate pertanto si ipotizza che le compagnie straniere potranno intensificare la produzione di greggio.

In ogni, all’ordine del giorno, lo stato iracheno non gode di ottima salute e, a livello economico, risulta essere molto indebitato. La legalità non è ancora garantità e il rischio di rivendicazioni da parte dell’area più radicale del paese è ancora molto elevato.

Non siamo ancora a conoscenza dei nomi delle compagnie petrolifere che andranno in Iraq a beneficiare delle risorse dei giacimenti e non sappiamo quindi nemmeno se sarà presente anche un’azienda italiana.

E’ probabile che a fine mese sapremo tutto sulla vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>