Decreto legge proroga Mud

di Alessandro Bombardieri Commenta

Le 600mila imprese obbligate a fare la dichiarazione ambientale possono tirare un sospiro di sollievo...

prestigiacomo-stefania324

E’ stato approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legge che sposta dal 30 aprile al 30 giugno il termine di scadenza per la presentazione del Mud.

A spuntarla dunque alla fine è stato il ministro per l’Ambiente Stefania Prestigiacomo.

In questo modo le 600mila imprese obbligate a fare la dichiarazione ambientale possono tirare un sospiro di sollievo evitando pesanti sanzioni per la mancata presentazione nei termini previsti.

Questo caos è venuto a crearsi proprio a causa di un errore del governo, che già da settimane aveva annunciato la proroga per ridefinire i moduli della dichiarazione pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale solo nella giornata di mercoledì scorso, tra l’altro con molte schede mancanti.

La Prestigiacomo aveva presentato il decreto legge tre settimane fa, ed era stato bloccato dal Consiglio dei ministri per l’opposizione del ministro dell’Economia Giulio Tremonti.

Il decreto legge prevede inoltre la sanatoria per le dichiarazioni già presentate sulla base del modello approvato con il Dpcm del 2 dicembre 2008 e la redistribuzione delle emissioni di CO2 per i nuovi entranti nel sistema di scambio delle quote.

Questo decreto va in soccorso degli operatori che avrebbero diritto alle quote ma non possono acquisirle per l’esaurimento della riserva nuovi entranti, pari a 21,7 milioni di tonnellate di CO2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>