In Italia si pagano gli affitti più alti d’Europa

di Vito Verna Commenta

Il mercato degli affitti, in Italia, rischia di andare incontro al collasso.

Una ricerca condotta dal CENSIS (CENtro Studi Investimenti Sociali) ha di recente pubblicato i risultati di un’interessante indagine condotta in merito al mercato immobiliare italiano.

Le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori dell’istituto sono davvero sorprendenti.


Sarebbe emerso, infatti, che ben 8 famiglie su 10, in Italia, sono proprietari immobiliari e che, dunque, il mercato degli affitti si muove soltanto grazie ai giovani.

Le nuove generazioni, che il CENSIS ha individuato nelle famiglie con persona di rifermento inferiore ai 40 anni di età, rappresentano, in Italia così come all’estero, la categoria con la più alta percentuale di affittuari.

Il problema, però, si manifesta con tutta la forza di una disquisizione di carattere strutturale considerando che, soltanto questa categoria, o per lo meno questa categoria più di altre, si trova a pagare affitti a prezzo di mercato, ovverosia esorbitanti, oppure ad appoggiarsi alla ricchezza immobiliare della famiglia allargata pur di trovare un alloggio.

In questa situazione, di totale svantaggio per i giovani affittuari, già penalizzati dal comportamento arbitrario, ove non addirittura illegale, della quasi totalità delle agenzie immobiliari che, per esempio, nelle principali città universitarie trovano pane per i propri denti, avverte il CENSIS, si rischia il collasso ed il blocco totale di un mercato davvero molto importante.

Urge, conclude il CENSIS, trovare, al più presto, trovare soluzioni che permettano di uscire da questa situazione di stallo affinché vi sia maggior giustizia ed equità che permettano all’Italia, sul medio periodo, di riconquistare una posizione di prestigio in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>