L’orgoglio leghista e le scuse di Bossi

di Vito Verna Commenta

Eppure, oltre alle rassegnate dimissioni di qualche giorno fa, Umberto Bossi avrebbe desiderato scusarsi con il popolo padano per il comportamento dei propri figli.

L'orgoglio leghista e le scuse di Bossi

La disfatta, completa e totale, della Lega Nord sembrerebbe non essere stata avvertita, o per lo meno non essere stata pienamente avvertita in tutta la propria concretissima realtà, dai militanti più duri e puri del partito padano che, riunitisi in questi giorni a Bergamo, in occasione di quelle che sarebbero state immediatamente ribattezzate quali le “Giornate dell’Orgoglio Leghista”, si sarebbero schierati ora con uno (Umberto Bossi) ora con l’altro (Roberto Maroni) leader della Lega Nord ma mai, in nessun momento, contro i vertici del partito.

LE TRE INDAGINI CHE INCASTRANO LA LEGA NORD

Permane dunque, anche a causa delle parole, estremamente violente, espresse sia da Maroni che Bossi, non solamente la rabbia per essere stati tacciati di collusione con le associazioni mafiose (collusione, però, in via di definizione presso le procure della Repubblica di Reggio Calabria e di Napoli) bensì anche la fervente convinzione di essere stati scaricati, sul ciglio della strada nonché al primo momento utile, da una sorta di gigantesco, ed irreale, complotto nazionale ordito da non meglio precisati ignoti.

#legaladrona E LA FINE DI UMBERTO BOSSI

Eppure, e non se ne capirebbe davvero il motivo, oltre alle rassegnate dimissioni di qualche giorno fa, sicuramente apprezzate dalle più importanti forze politico-sociali italiani seppur non strettamente dovute, Umberto Bossi avrebbe desiderato, a margine del convegno bergamasco, scusarsi con il popolo padano per il comportamento dei propri figli (che dietro a questo atteggiamento remissivo vi sia effettivamente un fondo di verità nelle accuse della magistratura?).

LE DIMISSIONI DI RENZO BOSSI E LA NUOVA LEGA NORD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>