Copertura sanitaria a tutti gli americani

di F.D. Commenta

Stanno diventando troppi i casi in cui un paziente è costretto a scegliere quale arto operare piuttosto che non farsi curare..

Obama

Sono ben 47 milioni gli americani che non possono avere l’assistenza sanitaria perchè sprovvisti di una copertura assicurativa. Negli Stati Uniti il sistema sanitario è a pagamento e moltissime persone, per via del proprio reddito, non possono permettersi di pagare una polizza assicurativa.

Stanno diventando troppi i casi in cui un paziente è costretto a scegliere quale arto operare piuttosto che non farsi curare. Ultimamente un uomo che aveva perso con una motosega 4 dita della mano destra ha dovuto scegliere quale dito riattaccare perchè non poteva permettersi di riattaccarli tutti.


Durante la campagna elettorale Obama ha in più occasioni affermato di voler estendere a tutti gli americani l’assistenza sanitaria. I repubblicani però lo accusano di voler indebitare ulteriormente le casse dello Stato.

In una conferenza di ieri Barack Obama ha affermato che le accuse dei repubblicani sono totalmente infondate e i soldi del suo provvedimento provengono da un miglior utilizzo delle risorse evitando quindi inutili sprechi.


Il provvedimento il presidente lo vuole attivo entro la fine di quest’anno per paura, anche, di veder scendere la propria popolarità. Obama è un presidente eletto dal popolo anche dal quei 47 milioni di americani che non hanno assistenza sanitaria e che vedono nel nuovo presidente l'”eldorado”.

Obama ha dichiarato pubblicamente che sono presenti al governo esponenti che fanno di tutto per non far passare il provvedimento: sono esponenti repubblicani, ma anche democratici conservatori. Obama ha comunque rassicurato gli americani che la legge sarà operativa prima della fine del 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>