Obama si dice pronto per combattere il terrorismo

di Stefania Russo Commenta

inciucio molto simile a quello che siamo abituati a vedere ormai da troppo tempo nella politica di casa nostra..

In questi giorni il presidente americano eletto Barack Obama, lasciando quasi in sordina l’attuale presidente Bush che, ricordiamo, deve rimanere in carica ancora per quasi due mesi, ha preparato la propria squadra di governo e l’ha presentata al mondo intero.

Obama, che durante la campagna elettorale, durata circa due anni, ha infamato all’inverosimile la rivale Hillary Clinton, ha scelto proprio lei come segretario di stato, ovvero il braccio destro del presidente.

Un inciucio molto simile a quello che siamo abituati a vedere ormai da troppo tempo nella politica di casa nostra come ad esempio Capezzone che fino a qualche tempo fa denigrava Berlusconi fino a diventarne il portavoce ufficiale di partito.


Inciuci a parte, Obama, presentando la squadra di governo ha voluto ribadire la voglia di combattere il terrorismo cercando di sconfiggere i nemici e rafforzare quelle che sono le collaborazioni con stati amici. Non sono tardati ad arrivare messaggi minacciosi dal vice di Bin Laden che lo accusa di essere un “negro” traditore dell’Islam.


L’obiettivo di Obama è quello di sconfiggere i responsabili dei vari attentati terroristici nel mondo che hanno portato alla morte centinaia di migliaia di innocenti. Il presidente Pakistano ha affermato che non verrà a meno della continua collaborazione tra USA e Pakistan atta a portare la pace nello stato confinante dell’Afghanistan. Obama ha aggiunto che delegherà al neo-ministro della difesa Robert Gates di porre fine alla guerra in Iraq che ha portato solo morte e distruzione oltre che all’arresto e poi uccisione di Saddam Hussein.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>