Andreotti, novant’anni e qualche segreto

di F.D. Commenta

Insieme a Oscar Luigi Scalfaro, Giulio Andreotti è l’ultimo sopravvissuto dell’Assemblea..

Insieme a Oscar Luigi Scalfaro, Giulio Andreotti è l’ultimo sopravvissuto dell’Assemblea Costituente che pose le basi della Carta fondamentale della Repubblica, e da allora ad oggi ha vissuto tutti gli eventi della nostra vita politica come parlamentare, ministro, capo del Governo, senatore a vita.

Mercoledì prossimo Andreotti compirà novant’anni, e per l’occasione ha concesso un’intervista a tutto campo al quotidiano “La Repubblica”.

Convinto di essere destinato al Paradiso (“ma per la bontà di Dio, non perché me lo meriti”), Andreotti ripercorre la sua carriera e la sua vita, con ricordi dei genitori, della sua gioventù e di alcune promesse mai mantenute alla moglie Livia, come quella che si sarebbe ritirato dalla politica a sessant’anni.


Rimpiange la politica di un tempo, in cui si batteva paese per paese tutto il collegio elettorale (“i primi anni non ho mai dormito a casa un sabato”) e ricorda con nostalgia non tanto le persone quanto i metodi della Prima Repubblica, “il contatto con la gente che c’era prima” e la maggiore vivacità interna dei partiti e dei sindacati (“oggi sono delle burocrazie”).
Andreotti non si sente ancora pronto per la pensione (“giro ancora abbastanza, partecipo a molte riunioni”) e non tradisce la sua rabbia per le sue vicende giudiziarie (“hanno usato i processi per mettermi fuori gioco”).


Infine, il senatore a vita si dichiara contrario al presidenzialismo (“chi ha avuto un periodo di dittatura deve stare attento alle ricadute”), e si lascia andare a frasi sibilline sulla sua conoscenza dei segreti di Stato.

“Molti no, qualcuno sì”, afferma. “Ma li tengo per me. Non farei mai un’intervista o un libro su certi episodi. La categoria del folklore politico non mi appartiene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>