Guzzanti attacca pesantemente Berlusconi sul suo blog

di Alessandro Bombardieri Commenta

Guzzantiparlava di intercettazioni a luci rosse che riguardavano il Presidente del Consiglio...

guzzanti

E’ scoppiata un’altra bufera attorno alla figura del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusoni, ad innescare la miccia questa volta è stato Paolo Guzzanti, che ieri sul suo blog ha pubblicato un articolo non troppo simpatico nei confronti di Berlusconi.

Guzzanti in questo articolo, poi rimosso per eccesso di visite, parlava di intercettazioni a luci rosse che riguardavano proprio il Presidente del Consiglio e “persone che ricoprono ora alte cariche dello Stato”.

La smentita del Quirinale non si è fatta attendere più di tanto, è infatti stato negato tutto quello scritto sul blog dell’ex deputato del Pdl, adesso nel gruppo misto Pil. Sul blog di Guzzanti si leggevano frasi che sostenevano il disprezzo con cui Berlusconi tratterebbe tutte le donne che incontra, riferendosi sempre alla sfera sessuale.

20081105_guzzanti

Secondo Guzzanti tali intercettazioni, uscite nell’ambito dell’inchiesta di Napoli, sarebbero state poi fatte distruggere perché non venissero mai pubblicate interamente. E’ anche vero che lo stesso Guzzanti nel suo post dichiarava di non aver letto tali conversazioni, ma riportava solamente le telefonate per “sentito dire”, da persone attendibilissime, secondo il suo pensiero. Sempre secondo il blogger Guzzanti, a svelare tutto questo retroscena sarebbe stato “un famoso direttore di giornale”.

Come se non bastasse Guzzanti accusava anche il Presidente Napolitano di aver nascosto tutte queste “prove, e di aver sollecitato i giornali a non pubblicare tali telefonate. Ovviamente è arrivata secca la smentita, ritenendo priva di fondamenta l’insinuazione di Guzzanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>