Riforma giustizia: stop del Quirinale sulla responsabilità dei giudici

di Alessandro Bombardieri 1

Il Colle chiede modifiche al testo...

Al Quirinale non piace la norma sulla responsabilità civile dei giudici. Il cosiddetto emendamento Pini sarebbe sbagliato nel metodo, nel merito e nei tempi.

Il Quirinale sostiene che questo emendamento sarebbe destinato solo ad alimentare un gratuito scontro con la magistratura.

In questi giorni l’obiettivo del Colle è quello di far capire a Pdl e Lega che la riforma della giustizia non può passare così com’è, addirittura che forse sarebbe meglio lasciar perdere.

Non sarebbe una ritirata quella consigliata dal Quirinale, bensì un suggerimento a farsi da parte, anche perchè in commissione Giustizia c’è una pratica aperta proprio sulla responsabilità e sta anche per arrivare la riforma costituzionale Alfano che la contiene.

Il Quirinale insiste proprio sul fatto che non si può liquidare nella legge comunitaria una questione così importante e sentita. Inoltre, come sostiene il finiano Nino Lo Presti, è in dubbio anche fino a che punto il nodo della responsabilità non sia estraneo per materia.

Il punto fondamentale ora è la responsabilità, sulla quale il leghista Gianluca Pini, redattore dell’emendamento, non esclude una modifica.

Come dichiarato dal capogruppo Enrico Costa si punta ad arrivare a un buon testo che non mini l’indipendenza della magistratura.

Manlio Contento e Francesco Paolo Sisto del Pdl stanno lavorando alle modifiche del testo per attenuare la formula “violazione manifesta del diritto”.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>