Censimento 2011

di Vito Verna Commenta

Le informazioni utili sul 15° Censimento generale ISTAT sulla popolazione e le abitazioni

Il 9 ottobre 2011 comincerà, ufficialmente, il 15° Censimento generale ISTAT della popolazione e delle abitazioni, il principale strumento, a disposizione della collettività, per ottenere una profonda conoscenza dei principali caratteri statistici della popolazione permanentemente o temporaneamente residente in Italia nonché dello stato delle abitazioni.

Lo scopo, dunque, non è solo quello di rilevare il numero degli abitanti presenti in Italia, bensì anche quello di categorizzarli, a grandi linee, così de evidenziarne i caratteri comuni e ricorrenti.


A titolo d’esempio basti sapere che il censimento italiano viene effettuato seguendo i dettami della metodologia classica che prevede la somministrazione di un dettagliato questionario, da compilarsi autonomamente ma non di rado soggetto a scrupolose verifiche dei cosiddetti rilevatori, le cui domande principali interessano:

– il numero delle abitazioni di proprietà (o presso le quali si risiede quali affittuari), la loro localizzazione geografica e le loro caratteristiche

– i dati anagrafici e personali (i cosiddetti dati sensibili)

– informazioni aggiuntive riguardanti la sfera lavorativa, la situazione economico-finanziaria, i titoli di studi, eventuali proprietà o possedimenti (oltre all’abitazione di residenza) e tutto quanto serva a tracciare un profilo, quanto mai preciso, delle persone interessate dal questionario del censimento.

Si avranno così a disposizione una serie di informazioni dalle quali si riusciranno ad estrapolare le caratteristiche generali e peculiari della popolazione così che si possa dire come sono fatti gli italiani e come sono cambiati negli ultimi 10 anni.

Il censimento generale della popolazione e delle abitazioni, infatti, viene effettuato ogni dieci anni e soltanto negli anni che terminano con 1. Uniche eccezioni, nella storia, quelle del 1891 e 1941 quando non venne effettuato.

L’unità di riferimento sulla quale viene effettuato il questionario è quella della famiglia sebbene, a partire da questo 15° censimento, verranno prese in considerazione anche le coppie di fatto raggruppate in micro-sezioni contenenti ognuna 250 famiglie/convivenze.

CENSIMENTO 2011

Vediamo, in breve, le caratteristiche peculiari di questo 15° Censimento che, per molti motivi, promette di passare alla storia quale spartiacque tra il passato ed il futuro.

Date utili

Cominciamo con l’informarvi in merito alle date utili di questo 15° Censimento così da potervi preparare per tempo, giacché la compilazione del questionario, obbligatoria per legge, richiede tempo, dedizione e precisione.

12 settembre/22 ottobre 2011: questo lasso di tempo servirà per la consegna, a tutta la popolazione italiana, del questionario relativo al 15° Censimento generale ISTAT della popolazione e delle abitazioni. La consegna dei suddetti verrà effettuata sia a mano, tramite i messi comunali, sia per posta.

1 ottobre 2011: attivazione del numero verde (800.069.701 attivo dal lunedì alla domenica dalle 9 alle 19) presso il quale ottenere informazioni dettagliate circa la compilazione del questionario

9 ottobre 2011: data ufficiale di riferimento del 15° Censimento. Dal 9 ottobre, infatti, sarà possibile restituire i questionari compilati (a mano presso l’Anagrafe del proprio comune oppure via posta all’indirizzo indicato sulla busta preaffrancata che verrà consegnata insieme al questionario) oppure cominciare la compilazione online dei medesimi. La procedura di raccolta dei dati continuerà sino al 20 novembre 2011

21 novembre 2011: contestualmente con la cessazione della raccolta dei questionari cominceranno le rilevazioni sul campo dei rilevatori comunali il cui principale compito sarà quello di identificare le convivenze e le famiglie non presenti nelle Liste Anagrafiche, verificare le incongruenze sospette, nonché di recensire tutti gli immobili occupati abusivamente o abbandonati. Queste operazioni termineranno entro e non oltre il 29 febbraio 2012.

31 marzo 2012: diffusione, a livello comunale e provinciale, dei primi dati statistici ufficiali rilevati tramite il 15° Censimento. Ribadiamo che questi dati sono provvisori e non definitivi

31 dicembre 2012: diffusione dei dati definitivi in merito alla popolazione legale.

NOVITÀ DEL CENSIMENTO 2011

Le principali novità introdotte con il censimento che partirà il 9 ottobre 2011 indicano la volontà dell’ISTAT di stare al passo con i tempi, se non addirittura di anticiparli, così da ottenere un quadro quanto mai preciso e che tenga conto delle rapidissime rivoluzioni avvenute in questi primi 11 anni del terzo millennio nonché di quelle che avverranno nei prossimi 10 anni. Vediamo le principali:

– possibilità della compilazione online del questionario del 15° Censimento

– possibilità di recensione delle coppie di fatto e delle convivenze. Questo punto è molto importante poiché, sebbene ancora non siano tutelate per le legge, il censimento ISTAT 2011 terrà conto delle convivenze omosessuali nonché delle famiglie arcobaleno

– possibilità di recensione dei comportamenti green e tecnologici. Si potrà così individuare il rapporto degli italiani con le tematiche ambientali e con la vera e propria invasione di tecnologia di questi ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>