Aumento pedaggi autostradali in vigore da oggi

di Alessandro Bombardieri 2

Nonostante i rincari dovrebbero essere di massimo il 25%, si registrano già alcuni casi limite in cui ci sono aumenti superiori.

258170_3330_big_300610_casello_b1-500x333

Oggi, 1 luglio 2010, è il giorno in cui diventano operativi i nuovi rincari sui pedaggi autostradali, inseriti nella manovra finanziaria del governo, dal momento che viene sgravato lo Stato dal mantenimento dell’Anas.

L’Anas quindi deve autofinanziarsi, e per farlo andrà direttamente ad aumentare il costo dei pedaggi, a tutto sfavore degli automobilisti.

Da oggi è attivo un aumento di un millesimo di euro al chilometro per le auto e tre millesimi per i mezzi pesanti, con aumenti compresi tra l’1,5% ed il 5%.

Oltre a questi aumenti c’è anche da segnalare la maggiorazione forfettaria di uno o due euro che serve per fare pagare i tratti gestiti dall’Anas che finora erano gratuiti.

Dal momento che non tutto è stato preparato in tempo, nei primi periodi si pagherà un obolo nei punti di interconnessione con le tratte gestite dai privati.

Comunque, nonostante i rincari dovrebbero essere di massimo il 25%, si registrano già alcuni casi limite in cui ci sono aumenti superiori.

E’ il caso della tratta Udine-Sud – Trieste che passa da 2,40 euro a 3,10 euro, cioè con un aumento del 29%.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>