Autovelox illegale, quando fare ricorso

di Alessandro Bombardieri Commenta

Le Iene ci mostrano quando possiamo fare ricorso per autovelox illegali...

Come scritto già su MotoriLive, ieri sera è andato in onda un servizio de “Le Iene” relativo a tutor e autovelox.

Il servizio ha spiegato in maniera molto semplice il funzionamento dei due dispositivi prima di chiarire quando è possibile fare ricorso, e vincerlo.

Come prevede il Codice della Strada, il tutor è composto da due rilevazioni. Al passaggio dell’auto sotto alla prima rilevazione viene presa la velocità in km/h e la targa viene fotografata.

Alla seconda rilevazione, viene presa ancora la velocità ed il computer effettua un veloce calcolo che dà come risultato la velocità media percorsa.

Il servizio mostra anche alcuni metodi (non efficaci) che i guidatori usano per tentare di fregare il tutor.

Passando agli autovelox, Le Iene hanno mostrato cosa prevede il CdS per gli autovelox, e cioè che è necessaria la presenza del cartello che segnali il rilevamento elettronico della velocità.

Sono poi stati fatti vedere alcuni esempi di autovelox posizionati in maniera illegale: autovelox non segnalati, autovelox mobili nascosti in auto civetta non segnalate, autovelox mobili in pattuglie nascoste ecc.

Nei casi mostrati nel video è possibile fare ricorso, addirittura come detto dall’avvocato, nella stragrande maggioranza dei casi il ricorso si vince.

LINK AL VIDEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>