Pompe benzina nuovo decreto aumenta soglia errore

di Alessandro Bombardieri Commenta

Un nuovo decreto aumenta il limite d'errore...

Come se non bastasse l’aumento dell’Ipt e l’accisa per la cultura, il ministero dello Sviluppo economico ha emanato un decreto che aumenta la soglia d’errore per i distributori di carburante.

Al lato pratico questo decreto aumenta il limite entro cui i distributori possono erogare una quantità di benzina o gasolio inferiore senza commettere il reato di truffa.

Il decreto numero 32 aumenta del 50% questo margine d’errore, portandolo dal 5% al 7,5%. Per esempio fino ad oggi la tolleranza su 20 litri era di 0,1 litri, che corrispondo attualmente a circa 15 centesimi di euro.

Con il nuovo decreto il limite sarà di circa 23 centesimi di euro. Se calcoliamo che anche i più piccoli distributori erogano circa un milione di litri di carburante l’anno, capiamo che in ballo ci sono milioni e milioni di euro.

Ha lanciato l’allarme il Ctcu, Centro tutela consumatori e utenti, evidenziando inoltre come il nuovo decreto non modifica i limiti di tolleranza degli strumenti di misurazione dell’erogazione alla pompa per l’accertamento iniziale di conformità e per le verifiche periodiche.

Ma per i controlli metrologici casuali gli errori massimi tollerati sono stati aumentati in maniera inaccettabile, cosa che non accade nel resto d’Europa.

Inoltre i controlli potranno anche essere affidati a laboratori privati, mentre oggi sono compito delle Camere di commercio.

Il ministero ha risposto dicendo che la maggiore tolleranza nei controlli casuali non è vessatoria, ma cautelativa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>