La sconfitta dell’italia sulle testate internazionali

di Luca Bruno Commenta

La sconfitta della nazionale italiana di calcio travalica la polemica sportiva e diventa un caso politico, in Italia come all'estero.

L’Italia eliminata dal mondiale è una di quelle notizie che fanno il giro del mondo, soprattutto perchè la nazionale di calcio era arrivata a questi mondiali sudafricani con l’eredità della vittoria al precedente campionato del mondo. L’ultima sconfitta contro la Slovacchia, dopo altre due partite in cui gli undici beniamini dei tifosi italiani non hanno certo brillato, ha dato naturalmente la stura ad un coro di polemiche, che travalicano l’ambito sportivo e coinvolgono anche i politici, e che oggi fanno bella mostra di se su tutti i giornali nazionali ed anche internazionali.

Il quotidiano Repubblica per esempio raccoglie in una pagina i commenti di molte testate giornalistiche, sportive e non, in giro per il mondo, ed è divertente annotare come la notizia venga diffusa negli altri paesi, mentre qui da noi infuria la polemica sui giocatori ma soprattutto sull’allenatore Marcello Lippi.

Tantissime i giochi di parole sulla sconfitta italiana, si sprecano per esempio gli “arrivederci” ed i “ciao”, come nella pagina di copertina del prestigioso The Times londinese, mentre i più piccati sembrano essere i giornali tedeschi, (in testa il Bild con un cubitale “Tiè” in prima pagina” che in qualche modo fanno trasparire una certa gioia nel veder uscire fuori dal gioco la squadra che nel 2006 aveva battuto la Germania nelle semifinali, deludendo i sogni di gloria della nazione ospitante.

Le testate francesi sono più compassate, anche perchè la caduta della squadra italiana può in qualche modo compensare la magrissima figura che hanno fatto i “bleu” in Sudafrica, anche loro eliminati subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>