Social card Acli rilancia la carta acquisti

di Alessandro Bombardieri 1

Gli importi della nuova card dovrebbero salire in media a 133 euro mensili contro i 40 attuali...

acli

Arriva dalle Acli, Associazioni cristiane dei lavoratori (una delle organizzazioni no profit più radicate sul territorio), una nuova proposta nella lotta alla povertà in Italia, sulla falsariga delle social card.

Le Acli si sono dette infatti pronte ad affiancare i comuni nella gestione di questi servizi, cominciando proprio dall’erogazione di una social card tutta nuova, con nuove caratteristiche e potenzialità.

E’ stato costruito un progetto su base triennale contro la povertà assoluta, che prevede un costo di 665 milioni di euro l’anno, il quale dovrebbe permettere un incremento medio del 23% del reddito delle famiglie beneficiarie.
v
Questo progetto è stato elaborato da un gruppo di esperti coordinati da Cristiano Gori, docente di politiche sociali all’università Cattolica di Milano, sarà presentato ufficialmente entro la fine del mese corrente alle autorità politiche e alle parti sociali.

Gli importi della nuova card dovrebbero salire in media a 133 euro mensili contro i 40 attuali, con un costo progressivo di 665 milioni l’anno per tre anni, dal 2011 al 2013; dovrebbe essere tolto qualsiasi limite sull’età e dovrebbe essere abolita ogni preclusione verso i cittadini stranieri stabilmente residenti.

In questo modo sarebbero 2.400.000 i beneficiari. Il terzo punto sarà l’integrazione della prestazione monetaria con i servizi alla persona gestiti dai comuni.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>