Nucleare, Alemanno: Ci devo pensare

di PaoloMaria-Addabbo Commenta

Alemanno aveva una posizione mite sul "no" al nucleare, rispetto a quella più decisa della Polverini. Il sindaco ha infatti dichiarato di dover ancora riflettere sul referendum

Nei giorni scorsi il sindaco di Roma Capitale e la presidente Polverini avevano “rotto gli indugi”, come spiegava un’agenzia di stampa, riguardo al nucleare. In particolare Alemanno dichiarava che “dopo quanto successo in Giappone si pone una questione di sicurezza”. La sua posizione era più mite di quella della presidentessa della regione: “avevo espresso, già in precedenza, il mio parere contrario al governo perché il Lazio ha già “dato” al paese”. Ieri Alemanno, riporta “il Tempo” del costruttore Bonifaci con un’indiscrezione e una “striscia” alla voce “il palazzo – dietro le quinte”, ha dichiarato: “ci devo pensare” sul referendum per il nucleare.


Adesso perfino i più convinti nuclearisti, in primis Umberto Veronesi, direttore dell’ “Agenzia per la sicurezza nucleare” parlano di una “pausa di riflessione” prima di costruire le centrali. E’ significativo se pensiamo che poco prima della notizia del rischio di radioattività escludeva i rischi di incidenti annunciati in Giappone: un auspicio poco felice e inconsistente su cui è stato fatto un doveroso passo indietro.

Ci sono state anche altre dichiarazioni del sindaco capitolino in merito alla questione della radioattività a Roma: lo staff della “Protezione Civile” che sta operando a Tokyo ha fornito un dato allarmante, che vede Roma con una maggiore quantità di radioattività della capitale giapponese, quest’ultima si trova a 250 km dalla centrale nucleare di Fukushima ma il rischio rimane lo stesso. Ma secondo Alemanno bisogna stare tranquilli perché quelle radiazioni sono dovute a fenomeni “naturali”.

FOTO ANDROKONOS

Pma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>