Stanziati 30 milioni di euro per l’Abruzzo

di F.D. Commenta

cittadino abruzzese verrà abbandonato dall'Italia ringraziando anche per il lavoro compiuto la squadra dei vigili del fuoco e della protezione..

terremoto-in-abruzzo

Proprio nella giornata di ieri è stato firmato un decreto legge che stanzia 30 milioni di Euro a favore dei terremotati della regione Abruzzo. Silvio Berlusconi ha affermato che verrà costruita una nuova città alle porte di Laquila che garantirà alloggio agli sfollati e la costruzione, grazie anche al piano casa, avverrà in tempi rapidi, ma soprattutto certi.

Silvio Berlusconi ha sottolineato che nessun cittadino abruzzese verrà abbandonato dall’Italia ringraziando anche per il lavoro compiuto la squadra dei vigili del fuoco e della protezione civile che è sotto il controllo diretto della presidenza del consiglio dei ministri.


Per il momento, pur ringraziando garbatamente gli stati esteri, ha ribadito che non servono aiuti umanitari e che lo stato italiano è in grado di fronteggiare un simile attacco naturale in assoluta autonomia che nonastante abbia ripercussioni tragiche è di entità modeste e il passato ci insegna che le vittime sarebbero potute essere molte di più (nel 1700 i morti furono 10.000).


Nel giro di qualche giorno verranno ultimate le tendopoli in grado di ospitare 14 mila persone con cucina e bagno da campo. L’appello del presidente Berlusconi è lo stesso ormai delle ultime ore chiedendo ai cittadini di non rientrare nelle proprie abitazioni e di approfittare delle stanze di albergo della riviera adriatica o delle tende innalzate dalla protezione civile.

Il teatro abruzzese è ancora sotto scacco dalle continue scosse di terremoto definite come sciame sismico impossibile da prevedere con mezzi scentifici e certificati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>