La condizione precaria dei detenuti della Dozza

di Vito Verna Commenta

Un numero talmente esorbitante da costringere, in una singola cella di pochissimi metri quadrati, sin'anche 3 persone che, per oltre 17 ore, sarebbero costrette a condividere i medesimi spazi senza poter muovere un singolo passo.

La condizione precaria dei detenuti della Dozza

Il carcere della Dozza, il noto e celeberrimo carcere di Bologna, è uno dei più sovraffollati di tutta Italia.

LE INTERCETTAZIONI IMBAVAGLIATE DEL MINISTRO SEVERINO

Nonostante, infatti, la capienza regolamentare sia di appena 483 unità quella tollerabile arriverebbe, addirittura, a ben 882 unità. I carcerati attualmente detenuti presso la Dozza, però, sarebbero più di 1.200.

VOTATA LA FIDUCIA SULL’ARTICOLO 10 DEL DDL CORRUZIONE

Un numero talmente esorbitante da costringere, in una singola cella di pochissimi metri quadrati, sin’anche 3 persone che, per oltre 17 ore, sarebbero costrette a condividere i medesimi spazi senza poter muovere un singolo passo.

FIDUCIA DELLA CAMERA SUL DECRETO SVUOTA CARCERI

E il caldo cocente di questa estate torrida, la temperatura, ad agosto 2012, non sarebbe mai scesa sotto i 32 gradi centigradi, non fa che peggiorare la situazione che, purtroppo, migliora solamente per quei pochissimi fortunati che, avendo a disposizione qualche cosa, sarebbero in grado di acquistare l’acqua, ghiacciata, venduta a 0,39 centesimi all’interno delle mura del carcere.

Gli altri, invece, possono contare solamente sulla carità dei compagni di cella o sul temporaneo sollievo dato dal getto freddo della doccia comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>