La necessità del rinnovamento della Politica

di Vito Verna Commenta

A preoccupare sarebbe la perdita registrata dalle tre più importanti forze politiche della nazione che verrebbero oggi votate solamente dal 30% degli aventi diritto al voto.

La necessità del rinnovamento della Politica

La politica italiana, come dimostrato dagli scandali che, recentemente, avrebbero coinvolto Luigi Lusi e Francesco Belsito facendo risorgere i sospetti, in realtà mai sopiti, che il finanziamento pubblico ai partiti, mascherato da semplice rimborso elettorale, non abbia mai cessato d’esistere, si troverebbe ad un bivio storico di decisiva importanza.

(DIS)ONOREVOLI ASSENTEISTI

L’antipolitica, stando alle intenzioni di voto dei quasi 9 milioni di elettori che, domenica 6 maggio e lunedì 7 maggio 2012, saranno chiamati a rinnovare il proprio Consiglio Comunale (gli occhi di tutti saranno soprattutto puntati sui risultati degli scrutini nei 28 comuni capolougo coinvolti da questa tornata elettorale), dilagherebbe e addirittura il 50% degli italiani si sarebbe dichiarato indeciso.

LA RINUNCIA AI RIMBORSI DELLA LEGA NORD

A preoccupare, comunque, sarebbe la perdita, che potremmo paragonare ad una vera e propria emorragia, registrata dalle tre più importanti forze politiche della nazione, ovverosia il Popolo della Libertà, il Partito Democratico ed il Terzo Polo che, complessivamente, verrebbero oggi votate solamente dal 30% degli aventi diritto al voto.

LA CORRUZIONE ITALIANA VISTA DALL’EUROPA

Se codesti partiti (e qui starebbe il bivio di cui sopra) non saranno capaci, nel minor tempo possibile, di rinnovarsi radicalmente, così da riconquistare il proprio giusto ruolo di punto di riferimento della politica italiana ed internazionale, si potrebbe ben presto venire a creare un vero e proprio vuoto di potere che potrebbe venir colmato solamente da movimenti decisamente antipolitici, se non addirittura estremamente populistici, con conseguenze sino a qui inimmaginabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>