Lodo Mondadori bloccato con la Finanziaria 2011

di Elena Botta 1

Questa manovra prevede che vengano sospesi i risarcimenti fino al termine dell'iter giudiziario e prevede anche la sospensione in appello all'esecuzione delle condanne civili che superino i dieci milioni di euro e la sospensione in Cassazione per quelle che vanno oltre i 20 milioni, in cambio di una idonea cauzione

Si continua anche oggi a parlare della Manovra Finanziaria 2011 presentata dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti giovedì scorso e le cui misure sono state approvate dal consiglio dei Ministri lo scorso venerdì 1 luglio perchè vi è un punto nel testo della manovra che prevede la norma “salva – Fininvest” che attua la sospensione del risarcimento previsto nella sentenza del Lodo Mondadori.


Questa manovra prevede che vengano sospesi i risarcimenti fino al termine dell’iter giudiziario e prevede anche la sospensione in appello all’esecuzione delle condanne civili che superino i dieci milioni di euro e la sospensione in Cassazione per quelle che vanno oltre i 20 milioni, in cambio di una idonea cauzione.
Ovviamente di fronte a questa norma, l’Opposizione si è scagliata in quanto è stata definita l’ennesima legge ad personam di questo governo nei confronti del suo leader.

Fino ad ora era prevista una semplice facoltà; questa sospensione scatta fino al verdetto del successivo grado di giudizio e la parte interessata al blocco dovrà presentare soltanto una ‘idonea cauzione’ come abbiamo detto prima.
Di questo ne beneficerà la Fininvest che è stata condannata a pagare al gruppo Mondadori, 750 milioni di euro a titolo di risarcimento del danno subito per la corruzione nella vicenda che è terminata con l’acquisizione della casa editrice al gruppo di Silvio Berlusconi.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>