Ingovernabilità e grande coalizione

di Ranieri Commenta

I risultati delle consultazioni elettorali del 24 e del 25 febbraio sono ormai noti a tutti, più o meno. Ed è questo il momento tipico in cui, storicamente, il commento al voto la fa da padrone. A ben guardare, tranne sconfitte di proporzioni colossali, è difficile che un qualche leader o esponente di partito ammetta una debacle sancita dalle urne. Tendenzialmente, appaiono tutti più propensi a travestire da vittoria le piccole affermazioni.

Elezioni 2013: non c’è maggioranza

Nel caso delle elezioni di ieri, però, il contesto è ancora più ingarbugliato: non c’è che dire che Berlusconi ha stravinto, eppure ha preso meno voti del centrosinistra. E, allora, ha stravinto o no? Senza dubbio il cavaliere ha portato a termine un recupero elettorale negli ultimi mesi che ha del prodigioso e il suo risultato più grande è stato, nei fatti, impedire la vittoria di Bersani. E, ancora: se alla Camera il centrosinistra gode di un + 0,4% e al Senato di un altrettanto risicato 0,9% la parola d’ordine è ingovernabilità. Anche perché a rendere di ancor più difficile lettura il quadro complessivo immediatamente post elettorale, ci si mette anche il peso specifico di Grillo e l’enorme consenso che il Movimento a 5 stelle ha riscosso sia alla Camera che al Senato della Repubblica (leggi: I sondaggi del Pd: pericolo Grillo).

Grande coalizione o nuove elezioni?

La parola che più si ripete nelle ultime ore è dunque: ingovernabilità. Perché si parla del centrosinistra con maggioranza alla Camera e di centrodestra al Senato. Chiaramente l’unico antidoto alla ingovernabilità è il classico schema cui il nostro Paese ha fatto ricorso nei momenti di maggiore difficoltà della sua storia repubblicana: la grande coalizione. E, in maniera intuibile, si tratterebbe di una grande coalizione guidata da centrodestra e da centrosinistra, lasciando al premier dimissionario Mario Monti – Scelta Civica ha incassato anche meno del 10% – un altro ruolo (leggi: Monti al Quirinale?). E tenendo presente il peso di Grillo e delle sue proposte, vale a dire di un ritorno alle voto entro 6 mesi in modo da cavalcare il suo exploit e, nella sua ottica, dare la spallata definitiva alle forze della Seconda Repubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>