Napolitano bis: favorevoli e contrari

di Ranieri Commenta

166993545

La rielezione di Giorgio Napolitano a Presidente della Repubblica rappresenta una giornata di per sé storica. E’ curioso notare però come se da un lato è innegabile la portata storica rappresentata dalla prima rielezione di un Capo dello stato nel corso della storia repubblicana del nostro Paese, è altrettanto vero che, per molti, la giornata di ieri di storico non ha nulla, se non un disperato ritorno al passato per l’incapacità di cambiare. O perché il cambiamento proposto non è apparso così convincente come si sperava o, semplicemente, per la sconvenienza di cambiare.

Un sostegno quasi totale

Chi sta dietro a Napolitano è ormai chiaro a tutti, addetti ai lavori e non. Il nuovo Presidente della Repubblica ha avuto il sostegno di Partito Democratico, Popolo della Libertà, Scelta Civica e Lega Nord (leggi: Napolitano bis). Non hanno votato per Napolitano Sinistra ecologia libertà di Nichi Vendola e il Movimento a Cinque Stelle di Beppe Grillo (leggi: Napolitano bis. Rieletto “Re Giorgio” tra le proteste). Al momento della proclamazione ufficiale, il consueto applauso del Parlamento riunito in seduta comune – deputati, senatori e grandi elettori di nomina regionale. Intercettati dai cronisti all’uscita da Montecitorio i leader dei principali partiti hanno tutti battuto su due punti: la felicità di vedere Giorgio Napolitano ancora inquilino di Palazzo del Quirinale e la generosità e il sacrificio mostrati nell’accettare il secondo mandato.

Ipotesi governissimo, si scalda Amato

Nella tarda serata il coro delle approvazioni si è ampliato con le parole al miele di Josè Manuel Barroso che si è detto certo che Napolitano rappresenta la giusta garanzia affinché l’Italia continui a fare il proprio dovere in seno all’Unione Europea, e con il messaggio di Papa Francesco che la lodato Giorgio Napolitano sottolineandone grande disponibilità e spirito di sacrificio. Gli appuntamenti ufficiali più vicini si svolgeranno lunedì con il giuramento previsto per le ore 17,00. E poi, la nuova e fondamentale sfida di Giorgio Napolitano, sarà quella di trovare una soluzione alla paralisi istituzionale in cui siamo caduti. Molti sono pronti a scommettere su un governissimo di ampia coalizione e qualcuno ha già azzardato il nome di Giuliano Amato come Presidente del Consiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>