Disegno di legge congedo di paternità obbligatorio

di Alessandro Bombardieri Commenta

Anche in Italia si vuole portare questa abitudine che ormai si è già molto diffusa anche in Europa.

papi--470x200

Mercoledì scorso è iniziata alla Camera la discussione sul disegno di legge che vorrebbe introdurre il congedo di paternità obbligatorio.

I ddl presentati da Pd e PdL hanno tutti e due lo stesso obiettivo, ovvero quello di obbligare il padre a quattro giorni di congedo a stipendio pieno in seguito alla nascita di un figlio.

Fino ad oggi questi quattro giorni sono facoltativi per il lavoratore, e praticamente nessuno (meno del 4% degli italiani) lo chiede.

Anche in Italia si vuole portare questa abitudine che ormai si è già molto diffusa anche in Europa.

Si tratterebbe di un obbligo, precisamente come quello della madre di non lavorare per i 5 mesi a cavallo del parto.

I quattro giorni sarebbero a carico delle aziende per i lavoratori dipendenti e del sistema previdenziale per gli autonomi.

All’esame della commissione Lavoro di Montecitorio sono giunte due proposte: quella del PdL presentata da Barbara Saltamartini, sottoscritta da 36 colleghi e quella del Pd presentata da Alessia Mosca e firmata da 25 deputati.

In Portogallo per esempio il congedo obbligatorio è stato introdotto nel 2002. Prima di quella data solo il 2% dei papà chiedeva il congedo; dopo si è arrivati al 22%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>