Legge Mammì 223/90 disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato

di Alessandro Bombardieri 1

Disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato.

web_tv_icon

Dopo aver parlato ieri della Legge Gasparri 112/04, ora trattiamo la Legge Mammì 223/90, “Disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato“, che viene sempre indicata come Mammì, dal nome dell’allora ministro delle poste e telecomunicazioni repubblicano Oscar Mammì, primo firmatario della legge stessa.

La Mammì è stata la prima legge organica di sistema che l’ordinamento italiano abbia mai avuto in materia radio televisiva.

L’intento della legge è quella di dare una legislazione minima all’Italia, attraverso l’attuazione della direttiva comunitaria 552 del 1989 C.E.E., “Televisione senza frontiere“.

La Legge Mammì si divide in 5 titoli e 41 articoli, ma quello fondamentale è il Titolo I, che richiama dei valori costituzionali. L’articolo 1 indica che la diffusione di programmi televisivi o radiofonici deve avere un carattere di interesse generale. L’articolo 2 si riferisce al pluralismo dell’informazione.

Dopo l’introduzione della legge è stato deciso di istituire un’autorità Antitrust, mentre la Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale il comma 4 dell’art. 15 (le concessioni a un singolo soggetto non possono superare il 25% del numero di reti nazionali previste dal piano di assegnazione e comunque il numero di tre).

La legge obbliga ogni rete ad avere un direttore diverso ed un telegiornale con un relativo direttore, vietando inoltre pubblicità durante i cartoni animati e fissando il massimo numero di spot durante la trasmissione di film.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>