Modalità voto referendum 2011

di Elena Botta 6

I prossimi 12 e 13 giugno avranno luogo i referendum abrogativi sui quali i cittadini italiani dovranno pronunciarsi riguardo quattro temi fondamentali.
Le questioni da decidere sono:
1) la modalità di affidamento e di gestione dei servizi pubblici che abbiano una rilevanza economica
2) la determinazione di una tariffa relativa al servizio idrico integrato che sia correlato alla remunerazione del capitale investito.
3) la costruzione di siti atti alla produzione di energia nucleare
4) l’abrogazione di norme della legge del 7 aprile 2010, n.51, in materia di legittimo impedimento del presidente del Consiglio.
Allora, la prima domanda è: cosa vuol dire questa lista di cose?



Il punto 1 ed il punto 2 sono relativi alla privatizzazione dell’acqua, il punto 3 riguarda la possibilità di produrre energia nucleare, mentre il punto 4 riguarda l’eliminazione del legittimo impedimento del presidente del Consiglio.
Ora la seconda domanda è: cosa bisogna votare per annullare o, al contrario mantenere queste leggi?
La risposta è che se si vuole che tali leggi vengano mantenute bisogna votare SI, invece se si è d’accordo con le scelte del Governo bisogna votare NO.
Quindi per abrogare e quindi fare in modo che queste proposte di legge non vengano attuate è necessario votare SI, se invece il quorum non venisse raggiunto, le leggi entrerebbero in vigore in quanto il Governo avrebbe avuto, per così dire la maggioranza.
Votare, lo ricordiamo, è un dovere, ma soprattutto un diritto di ogni cittadino.

Commenti (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>