La Grecia è al collasso

di G.V. Commenta

La Grecia è sull'orlo del baratro, ma forse l'uscita dal tunnel non è tanto lontana. Si pensa ad una ripresa per il 2014.

La situazione della Grecia continua a sprofondare e far registrare record negativi. Il Paese non è quasi sull’orlo del baratro di una guerra civile come in questi ultimi giorni si legge in rete ma di certo la situazione non è delle migliori. L’austerity imposta dalla Troika per ottenere i 230 miliardi di aiuti fa ancora male e di sicuro non aiuta il rilancio del Paese. Secondo gli esperti la Grecia riuscirà a vedere un po’ di luce in fondo al tunnel della crisi soltanto verso l’inizio del 2014.

Quello che invece rende sconcertante la situazione attuale sono i numeri incresciosi delle  performance in negativo del Paese. La disoccupazione a novembre è salita al 27%, la percentuale peggiore di tutto il continente. Il dato dell’occupazione giovanile segna il dramma che stanno attraversando i cittadini greci, siamo ormai a quota 61,7%. In un mese la Grecia ha bruciato 30 mila posti di lavoro, parliamo di una media di mille posti al giorno. Secondo una stima del maggior sindacato greco del settore privato, circa 4 milioni di persone su 11 milioni (il numero degli abitanti del Paese) vivranno sotto la soglia di povertà dei 7.200 euro di reddito annuo.

LA CRISI DELLA GRECIA DEVE ESSERE UN PROBLEMA DELL’UNIONE EUROPEA

Intanto la politica cerca di rassicurare i cittadini dicendo che già dal prossimo anno si vedranno segni di ripresa. Ma i segnali non sono per nulla buoni nemmeno dal punto di vista della produzione, il PIL dell’ultimo trimeste è stato pari a 40,6 miliardi di euro, uguale a quello che la Grecia faceva registrare 12 anni fa nel 2001. Dal 2007 il Pil ha perso il 20%, mentre quest’anno si è chiuso con un -6% e per il 2013 si prospetta un calo del -4,5% .

La Grecia visti i dati appena elencati non riesce del resto a festeggiare il riconoscimento dell’Ocse ottenuto da Atene come paese a maggior tasso di riforme tra il 2011 e il 2012 assieme agli altri Piigs continentali. Per le strade di Atene, tra serrande abbassate e manifestazioni quotidiane non è facile però riuscire a perceperi un’uscita imminente dal tunnel. Più concreti sono i miglioramenti del turismo infatti si registrano prenotazioni per il 2013 in rialzo tra il 15-20%.

I NAZISTI TORNANO IN PARLAMENTO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>