Napolitano contro elezioni anticipate

di Alessandro Bombardieri Commenta

Giorgio Napolitano ha parlato della situazione della politica italiana attuale...

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha parlato della situazione della politica italiana attuale, in occasione di una visita a Salerno, mettendo in chiaro alcune cose sulle elezioni anticipate e sul governo Berlusconi.

Come dichiarato da Napolitano, contro di lui ci sono state molte polemiche ingiustificate nel mese di agosto, ma se il governo riuscirà a proseguire nel suo mandato non potrà che essere un bene per il popolo.

Per Napolitano le elezioni anticipate non sono assolutamente la panacea a tutti i mali del paese, anzi, se il governo riuscirà a finire la legislatura il presidente della Repubblica sarà molto soddisfatto.

Napolitano ha detto che verso metà agosto aveva chiesto a tutte le forze politiche di riflettere sulle conseguenze di elezioni anticipate: secondo il capo dello Stato avrebbero portato ad un vuoto di potere oltre che ad un forte scontro elettorale.

Il presidente ha mostrato apprezzamento per la volontà manifestata da Berlusconi di andare avanti con l’attività governativa.

Napolitano però ha voluto anche parlare di regole istituzionali e sovranità popolare, due concetti bistrattati in questo periodo, ma secondo il presidente della Repubblica due pilastri che devono garantire a un Paese una buona stabilità.

Secondo Napolitano, chi ha fatto subito riferimento al ritorno alle urne trascura il valore della stabilità, infatti la vita di un Paese democratico deve essere ordinata secondo regole per potersi svolgere in modo fecondo, ha concluso.

Infine ha concluso parlando del Mezzogiorno, sostenendo come lo Stato debba fare di più per il Sud, con maggiore coordinamento e più regia a livello nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>