Cassa integrazione necessario avviso al sindacato

di Alessandro Bombardieri Commenta

Il dipendente può ottenere il ripristino del rapporto e il pagamento della retribuzione piena e non integrata.

cassazione

La Cassazione, con la sentenza numero 11254 del 2010, ha sancito che non è sufficiente la comunicazione aziendale di avere una contrazione dell’attività produttiva, per mettere automaticamente i dipendenti in cassa integrazione.

Secondo quanto stabilito dalla legge, il datore di lavoro deve mettere il sindacato in condizione di valutare preventivamente, di concordare i criteri di scelta dei lavoratori da sospendere e di verificare la possibilità di applicare o meno la rotazione.


Un operaio messo in cassa integrazione per 6 mesi più 6 mesi ulteriori, ha fatto ricorso per la non adozione del meccanismo di rotazione, il mancato esperimento dell’esame congiunto obbligatorio e l’impossibilità per le organizzazioni sindacali di valutare i criteri di scelta dei dipendenti da sospendere.

I giudici di secondo grado hanno stabilito che non c’era alcuna spiegazione per la non applicazione del metodo di rotazione, ed è stato anche respinto il ricorso dell’azienda stessa.

Quindi in caso di un chiarimento sull’operato, il dipendente può ottenere il ripristino del rapporto e il pagamento della retribuzione piena e non integrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>