Come si arriva alle dimissioni di un ministro

di Alba D'Alberto Commenta

In genere, come spiega anche Openpolis, la Costituzione spiega con esattezza come si nomina un ministro ma poco è detto rispetto alla revoca dell’incarico, alle dimissioni o alla più comune perdita dei “poteri”. C’è sempre la Costituzione a vigilare sulla procedura?

Il Governo Renzi si trova a far fronte alle quarte dimissioni di un ministro. Dopo Lanzetta, Mogherini e Lupi, arrivan anche le dimissioni di Federica Guidi. Per capire come si gestisce questo genere di cose, bisogna spiegare che l’articolo 92 della Costituzione regola la nomina dei ministri:

Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri. Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.

Sulla revoca ci sono ancora dei dubbi. Sicuramente il primo ministro ha il compito di individuare le figure a capo dei singoli dicasteri, ma nelle sue mansioni non c’è il loro “licenziamento”. Per cui come può essere costretto a terminare anticipatamente il suo incarico un ministro della Repubblica? Attraverso la sfiducia che è sempre gestita dall’articolo 94 della Costituzione

Articolo 94 – Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere. Ciascuna Camera accorda o revoca la fiducia mediante mozione motivata e votata per appello nominale. Entro dieci giorni dalla sua formazione il Governo si presenta alle Camere per ottenerne la fiducia. Il voto contrario di una o d’entrambe le Camere su una proposta del Governo non importa obbligo di dimissioni. La mozione di sfiducia deve essere firmata da almeno un decimo dei componenti della Camera e non può essere messa in discussione prima di tre giorni dalla sua presentazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>