Stalking: solo il 17% dei molestati denuncia

di F.D. Commenta

Dopo l'introduzione del decreto legge del 18 giugno 2008 il fenomeno dello Stalking non tende a diminuire e anzi solo il 17% dichiara..

Fonomeno sempre in crescita quello dello stalking, il complesso fenomeno psichico che porta lo “Stalker” a molestare con crudele insistenza la vittima.
Molestie che possono anche essere solo telefonate insistenti a qualsiasi ora del giorno o semplici sms le cui vittime possono essere donne e uomini indistintamente.

Dal 23 febbraio, come abbiamo già avuto modo di parlare, il disegno legge del 18 giugno 2008 è stato convertito in decreto legge.

Gli stalker rischiano cosi pene molto severe, si parla infatti di 4/6 mesi di reclusione.


Nonostante la pena il fenomeno non tende a diminuire, infatti da una recente indagine effettuata dall’ Osservatorio nazionale sullo Stalking (Ons) si evince che solo il 17 % dei giovani molestati denuncerebbe il fatto alla polizia.

Tra le diverse motivazioni spicca la volontà di curare e non di punire lo Stalker, mentre, in forma minore si percepisce diffidenza verso le forze dell’ordine considerate incapaci di governare eventuali attacchi di ira e violenza da parte del molestatore.

Inoltre il fenomeno dello stalking è molto spesso sottovalutato e, dagli stessi molestati, considerato poco più di una scocciatura cosi che in molti casi la situazione si protrae a lungo fino all’esasperazione.


Forse pensavo che l’introduzione di pene severe contro questi abusi ne avrebbe ridotto il numero ma, che il 71% degli intervistati ha dichiarato di non conoscere il termine “stalking” deve far riflettere e spingere i genitori a parlare con i propri figli di queste situazioni che molte volte, in Italia, rappresentano ancora argomenti tabu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>