Sciopero nazionale medici 19 luglio 2010

di Alessandro Bombardieri Commenta

Saranno cancellate circa 40mila operazione chirurgiche previste, ma le urgenze saranno ovviamente comunque garantite.

Oggi 19 luglio 2010 i medici contestano i tagli della manovra finanziaria, con uno sciopero nazionale di 24 ore. Medici, veterinari e dirigenti della sanità pubblica aderiscono alla protesta, e potranno saltare le visite specialistiche, gli esami diagnostici e le operazioni chirurgiche.

In totale si registreranno centinaia di migliaia di visite specialistiche ed esami diagnostici saltati, negli ospedali e nei presidi territoriali pubblici.

Saranno cancellate circa 40mila operazione chirurgiche previste, ma le urgenze saranno ovviamente comunque garantite.

A mezzogiorno in Piazza Montecitorio a Roma si terrà un sit-in dei camici bianchi, che a suon di vuvuzelas, le trombette diventate famose con i mondiali di calcio in Sud Africa, manifesteranno il loro dissenso alla manovra.

Intanto Massimo Cozza, segretario nazionale della FPCGIL Medici, si scusa con i cittadini, ma sottolinea che i tagli mettono in gioco il bene prezioso della sanità pubblica.

Il ministro Raffaeli Fitto propone intanto un patto tra esecutivo e governatori, sui contenuti dei tagli, per spalmarli e dividerli in maniera più sensata.

Si tratta del primo sciopero nazionale unitario dei medici da quando è in carica il governo Berlusconi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>