Errore di Trump: suprematisti bianchi si pongono come Antifa online su Twitter

di Daniele Pace Commenta

Ci sono conferme sul fatto che l'account Twitter diventato famoso di recente fosse in realtà fake

Un account Twitter che ha postato una vera e propria chiamata alla violenza e ha affermato di rappresentare la posizione di “Antifa” è stato in realtà creato da un noto gruppo suprematista bianco, stando a quanto dichiarato da Twitter lunedì. La società ha rimosso l’account. Prima che emergesse la questione, ovvero che l’account fosse gestito da suprematisti bianchi, Donald Trump Jr., figlio del presidente Donald Trump, ha indicato ai suoi 2,8 milioni di follower su Instagram il suddetto come esempio della pericolosa Antifa.

Trump

L’errore di Trump con il finto account Twitter di ANTIFA

Sebbene l’account abbia avuto solo poche centinaia di follower, è un esempio di come i suprematisti bianchi stiano cercando di infiammare le tensioni negli Stati Uniti presentandosi come attivisti di sinistra online. La rivelazione di questa vicenda arriva quando il presidente Donald Trump continua ad incolpare sempre più gli attivisti di sinistra per gli episodi di violenza che si stanno verificando attraverso le proteste in tutta l’America.

Domenica, Trump ha twittato che avrebbe etichettato Antifa come una vera e propria rganizzazione terroristica , nonostante il governo degli Stati Uniti non avesse alcuna autorità legale per farlo. Antifa, abbreviazione di antifascisti, descrive un gruppo ampio e vagamente organizzato di persone le cui credenze politiche si appoggiano alla sinistra – spesso all’estrema sinistra – ma non sono conformi alla piattaforma del Partito Democratico.

Le posizioni antifa possono essere difficili da definire, ma molte persone che sposano queste convinzioni supportano le popolazioni oppresse e protestano per l’accumulo di ricchezza da parte di corporazioni ed élite. Alcuni usano tattiche radicali o militanti per diffondere i loro messaggi. Il falso account, @ANTIFA_US, ha twittato domenica un messaggio di questo tipo: “ALERT Stasera è la notte, compagni stasera diciamo” F ** k The City “e ci spostiamo nelle aree residenziali … le cappe bianche …. e prendiamo ciò che è nostro”.

Un portavoce di Donald Trump Jr. non ha fornito commenti alla CNN martedì mattina, ma in seguito il post è stato rimosso dal feed Instagram di Trump Jr. Non vi è alcuna indicazione che Trump Jr. sapesse chi c’era dietro l’account o che fosse falso, almeno fino a questo momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>