Sulle preferenze nella legge elettorale cresce la tensione

di Redazione Commenta

 

La riforma della legge elettorale è pronta ad arrivare al vaglio del Parlamento. Si può iniziare con la proposta di emendamenti e i nodi da sciogliere per trovare un’ampia convergenza non sono pochi.

Renzi e Berlusconi si sono accordati, ma se dalle parti di Forza Italia ciò che va bene al cavaliere va spesso bene a tutti, nel Pd le polemiche non mancano. Una parte del Pd vuole le preferenze, ma anche un premio di maggioranza a una quota più alto e uno sbarramento più basso.

La proposta della legge elettorale è un sistema a doppio turno. Nel caso in cui una coalizione non raggiunge il 35% dei voti, che dà diritto al premio di maggioranza, si va al ballottaggio. Qui chi vince avrà dal 53% al 55% dei seggi in Parlamento, lo stesso avrebbe chi vince al primo turno con il 35% minimo dei voti, e potrebbe governare senza necessità di fare di nuovo le larghe intese.

La questione delle preferenze è quella più importante. Il Nuovo Centrodestra insiste nel richiederle, e anche Scelta Civica e Casini sono su questa posizione. Renzi ha affermato che la riforma della legge elettorale, che prima doveva essere blindata, è aperta a modifiche purché non si cambi l’impianto e siano considive in maniera ampia dalle forze politiche.

Su questi presupposti, sembra possibile qualche novità rispetto alle preferenze. La proposta prevede di indicare i nomi dei candidati sulla scheda elettorale, ma questo non basta a chi critica e vuole le preferenze come c’erano prima.

Probabilmente si cambierà qualcosa anche perché non solo buona parte dei partiti, ma anche dell’opinione pubblica, chiede il ritorno alle preferenze e la possibilità di scegliere direttamente le persone che si vogliono mandare come rappresentanti al parlamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>