Coni e Regione Veneto: Torino per i giochi invernali. No da Comune

di Daniele Pace Commenta

appendino-torinoIl Comune di Torino non vuole candidarsi per i giochi invernali del 2026, ma scatta il pressing del presidente del Coni e del governatore della Regione Veneto. Anche il governatore del Piemonte tenta di aprire una speranza, ma siamo alle ultime ore.

La candidatura

La candidatura italiana è all’ultimo giorno. Oggi a Losanna si capirà se ci sarà una candidatura a tre, con Torino presente. Pur di avere la città, il Veneto sarebbe disposto a rinunciare al nome. Se ieri sembrava non esserci speranza, oggi c’è qualche possibilità in più di vedere Torino ai giochi del 2026.

L’appello è al sindaco Appendino, con il governatore Chiamparino che fa suo l’appello del governatore del Veneto Zaia.

C’è ancora tempo, per Zaia, di arrivare ad una candidatura a tre, con Milano e Cortina. Ma il sindaco di Milano sembra aver perso la speranza di vedere il capoluogo piemontese nei giochi, e così punta tutto sul duetto, d’accordo con il sindaco di Cortina. L’Appendino potrebbe convincersi se Milano si prenderà gli oneri maggiori. Per Malagò: “Con una candidatura a due, è sicuro che l’Italia ha meno possibilità di vincere, non avendo le garanzie del Governo”. Malagò ha parlato in radio affermando che: “Siamo ancora in tempo non credo che Losanna non ci prenda in considerazione, oggettivamente è assolutamente aperta”. Ma c’è solo oggi per coinvolgere Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>