Nuova bufera per il calcio italiano

di G.V. Commenta

La Guardia di Finanza in questi giorni ha perquisito le sedi di 41 squadre italiane di serie A, B e minori per controllare la documentazione relativa ai contratti stipulati in questi anni tra club, calciatori e procuratori.

Calcio - ItalianoLa Guardia di Finanza in questi giorni ha perquisito le sedi di 41 squadre italiane di serie A, B e minori per controllare la documentazione relativa ai contratti stipulati in questi anni tra club, calciatori e procuratori. L’indagine ha avuto inizio qualche anno fa ed è condotta  dalla Procura di Napoli. Coordinati con la guardia di finanza anche il Nucleo di polizia tributaria di Napoli. In linea di massima i contratti che sono sotto la lente d’ingrandimento delle forze dell’ordine interessano le transizioni fra club e calciatori rappresentati dai procuratori sportivi Alejandro Mazzoni e Alessandro Moggi.

►Luciano Moggi si candida

Le attività sulle quali si vuol fare chiarezza sono le modalità di trasferimento dei calciatori, le intermediazini dei relativi agenti, le compravendite, il rinnovo dei contratti, la gestione dei diritti d’immagine e dei diritti televisivi e tutte gli aspetti burocratici dei contratti. Le indagini hanno evidenziato delle condotte reiterate finalizzate all’evasione fiscale dell’imposta sui redditi e più in generale condotte elusive di regole di impostazione tributaria.

Le squadre coinvolte

L’ennesima bufare sul calcio italiano in maniera trasversale si è imbattuta a partire dalle squadre più importanti come Juve, Napoli, Milan, Inter  e Lazio fino a squadre di B e serie inferiori. In definitiva ben 41 sono i club interessati dalle indagini della procura di Napoli. In serie A sono diciutto le squadre sotto inchiesta: Chievo, Milan, Inter, Siena, Roma, Fiorentina, Atalanta, Pescara, Genoa, Juventus, Torino, Parma, Lazio, Udinese, Napoli, Sampdoria, Palermo e Catania. In serie B invece le squadre coinvolte sono: Bari, Brescia, Livorno, Cesena, Reggina, Juve Stabia, Spezia, Crotone, Ternana, Vicenza e Grosseto. Infine gli altri club di serie inferiori sono Gubbio, Portogruaro, Benevento, Andria Bat, Lecce e Albinoleffe (legaPro prima divisione); Mantova e Lecco ( Lega Pro – Seconda divisione) Foggia (Terza categoria) Cosenza  (serie D), Piacenza e Triestina ( Radiate dalla federcalcio).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>