Sentenza Tar dossieraggio: la reazione del Viminale

di Daniele Pace Commenta

 Ieri c’è stata la sentenza del Tar di Firenze e oggi si passa alla reazione del Viminale. Il Tribunale ha respinto le zone rosse e ha scatenato la risposta di Matteo Salvini, pronto ad affrontare di petto i magistrati.
Per la magistratura regionale, una parte dei richiedenti asilo va iscritta all’anagrafe. Il ministro degli Interni fa intervenire l’Avvocatura dello Stato, che fa ricorso contro i magistrati per capire la legittimità del giudizio di un tribunale in materia di sicurezza, che per il ministro deve essere esclusiva competenza dello Stato.

La reazione

La reazione di Salvini è il controllo dell’operato dei magistrati che hanno deliberato, seguendo le loro uscite pubbliche e i rapporti di “vicinanza e collaborazione con chi difende gli immigrati contro il Viminale”.
Vegono così seguiti i profili social e abitudini dei magistrati, per capire quali sono i loro rapporti al di fuori del tribunale e se questi rapporti possano aver in qualche modo influito con la sentenza. Sotto il vaglio degli ispettori anche le partecipazioni a presentazioni o le collaborazioni per libri e riviste. Controllate anche le sole presenze a eventi organizzati dalle organizzazioni non governative.

Un caso è quello di Luciana Breggia, che avrebbe partecipato alla presentazione di un libro accanto alla portavoce di Mediterranea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>