Rating Italia declassato a medio-basso

di Vito Verna Commenta

L'agenzia di rating Standard&Poor's avrebbe declassato il rating dell'Italia da A a BBB+

Nel tardo pomeriggio di ieri, nonostante la manovra salva-Italia e le innumerevole indicazioni su come superare la crisi date dall’Unione Europea, l’impensabile sarebbe accaduto.

L’agenzia di rating Standard&Poor’s, infatti, avrebbe declassato il rating di numerosi Paesi europei, Italia compresa, letteralmente bacchettando l’intera Eurozona incapace, secondo la succitata istituzione statunitense, di rinnovarsi sia politicamente (il caso Italia, a causa delle difficoltà incontrate dal Governo Monti nell’approvare nel minor tempo possibile il pacchetto cresci-Italia non conterebbe) che economicamente.

In particolare, secondo quanto ufficialmente dichiarato da Standard&Poor’s mediante comunicato stampa, a venir declassati sarebbero stati i rating di Austria e Francia, ormai non più tripla A, Spagna, Portogallo ed Italia, addirittura declassata di ben due gradini e ormai ferma a quota BBB+ in zona medio-bassa.

Il collocamento dell’Italia ad un livello così inferiore alle attese e, considerando i fondamentali economico-finanziari dei quali da sempre gode il nostro Pese, comunque decisamente basso, si spiegherebbe, stando a quanto rivelato dall’agenzia di rating, grazie ad “un’adeguata capacità di rispettare gli impegni finanziari inficiata, comunque, da una certa suscettibilità alle condizioni economiche avverse e a mutamenti del quadro”.

L’Italia, dunque, soffrirebbe più di ogni altra cosa il peso e e difficoltà dell’Europa e dell’Eurozona in particolare sebbene, avvertono da Standard&Poor’s, quanto approntato dal Governo Monti potrebbe non essere bastevole alla salvezza dei cittadini italiani nel caso in cui la situazione dovrebbe volgersi al peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>