Incentivi fotovoltaico: limiti variabili in zona agricola

di Alessandro Bombardieri Commenta

Limiti variabili in zona agricola per gli incentivi del fotovoltaico.

Torniamo a parlare di incentivi per il fotovoltaico, che sono stati in Italia tra i più vantaggiosi in Europa. Proprio per questo motivo molti operatori internazionali hanno tentato grandi investimenti in impianti a terra, soprattutto al Sud su aree agricole o abbandonate.

Il nuovo Dlgs 28/2011 ha come obiettivo la limitazione dell’installazione di grandi impianti in zone agricole, imponendo 3 tipi di limiti, che devono essere rispettati tutti allo stesso tempo.


Ecco le tre limitazioni:
1. ogni impianto deve avere una potenza nominale massima di 1 MW;
2. nel caso di terreni appartenenti allo stesso proprietario, gli impianti devono essere installati a una distanza non inferiore a 2 km l’uno dall’altro;
3. non deve essere destinato all’installazione degli impianti più del 10% della superficie del terreno agricolo nella disponibilità del proponente.

Esistono poi 3 tipi di deroghe, casi in cui non si applicano i limiti:
1. ai terreni abbandonati da almeno 5 anni;
2. agli impianti fotovoltaici che hanno ottenuto il titolo abilitativo entro la data di entrata in vigore del decreto (29 marzo 2011);
3. agli impianti fotovoltaici per cui è stata presentata domanda entro il 1 gennaio 2011.

Negli ultimi casi l’impianto deve entrare in esercizio entro un anno dalla data di entrata in vigore del decreto, cioè entro il 29 marzo 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>