Legge di Stabilità 2013 e taglio delle detrazioni

di Vito Verna Commenta

La legge di Stabilità 2013, recentemente approvata dal Governo Monti in via definitiva, avrebbe purtroppo introdotto un tetto massimo alle detrazioni che sarebbe possibile cercare di ottenere sulle più differenti spese detraibili.

Legge di Stabilità 2013 e taglio delle detrazioni

La legge di Stabilità 2013, recentemente approvata dal Governo Monti in via definitiva, avrebbe purtroppo introdotto un tetto massimo alle detrazioni che sarebbe possibile cercare di ottenere sulle più differenti spese detraibili.

RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

Sebbene, sino ad oggi, non sia ancora stato chiarito se il provvedimento farebbe riferimento a tutte le spese sostenute piuttosto che alle sole spese detraibili, con differenti effetti, sulla fiscalità del contribuente, ancora oggi non completamente esplorati dal legislatore, la normativa su indicata si applicherà esclusivamente alle spese sulle quali graverebbe la detrazione del 19% salvaguardando, di conseguenza, le detrazioni del 36% e del 55%.

RIFORMA DEL WELFARE 2012

Infine, fortunatamente, il limite di 3.000 euro annui che sarebbe possibile detrarre non troverà applicazione sui redditi più basse giacché, come forse saprete, i contribuenti in grado di dichiarare meno di 15.000 euro all’anno non verranno toccati dal provvedimento.

RIFORMA DEL LAVORO SFATA IL MITO DELL’ARTICOLO 18

Detto questo passiamo all’elenco delle voci di spesa che non sarà, purtroppo, più possibile detrarre integralmente.

Il provvedimento oggi alla nostra attenzione, in particolar modo, dovrebbe infattiriguardare le seguenti voci di spesa:

  • mutui (sempre con il limite di detraibilità di 4.000 euro)
  • spese funebri
  • spese di istruzione secondaria e universitaria (sempre in misura non superiore a quella stabilità da tasse e contributi degli istituti statali)
  • assicurazioni sulla vita o premi assicurativi contro il rischio di invalidità permanente, con i consueti limiti
  • erogazioni liberali (Stato, Regioni, enti o istituzioni pubbliche, fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro…)
  • spese per attività sportiva dei minori
  • canoni di affitto
  • spese per addetti all’assistenza personale (badanti) nei consueti limiti.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>