Monopoli di Stato: evasione da 98 miliardi di euro

di Vito Verna Commenta

I Monopoli di Stato dovrebbero risarcire lo Stato, stando a quanto dichiarato dalla Guardia di Finanza, di circa 98 miliardi di euro di tasse dovute e multe mai pagate.

Mentre l’Italia intera si arrabatta per trovare una soluzione al debito pubblico italiano del 2011 (nuovo record a giugno) e per interpretare le modifiche alla manovra finanziaria recentemente proposte da Giulio Tremonti (ormai così inconsistente da venir definito, dai suoi stessi alleati, fumoso) noi si resta allibiti nello scoprire che i Monopoli di Stato, secondo un’indagine, mai smentita, del Secolo XIX di Genova e secondo alcune informazioni lasciate trapelare da fonti interne alla Guardia di Finanza, dovrebbero allo Stato italiano, tra tasse evase e multe non pagate, la cifra record di ben 98 miliardi di euro il doppio di quanto inizialmente previsto dal ministro dell’Economia per la manovra finanziaria 2011.


Un vero e proprio tesoretto, dunque, sul quale la Corte dei Conti ha più volte chiesto chiarimenti e che ha portato i magistrati ad aprire un fascicolo a carico del titolare dei Monopoli di Stato, il dottor Giorgio Tito, per imporgli il risarcimento dei danni subiti dallo Stato a causa della sua evasione.

Nell’approfondita inchiesta del Secolo XIX, inoltre, viene ribadito a chiare lettere quanto l’Italia potrebbe acquistare o realizzare avendo a disposizione una tale quantità monetaria.

I giornalisti genovesi segnalano che, con 98 miliardi di euro, il Bel Paese potrebbe:

– realizzare la rete ferroviaria più efficiente del mondo

– realizzare metropolitane in ogni grande città

– comprare circa 1.000 canadair

– ammodernare circa 500 ospedali

– organizzare ben 4 olimpiadi

– costruire impianti fotovoltaici in grado di sopperire al bisogno energetico di milioni di cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>